L’Antico Granaio, prezioso ‘scrigno’ di enogastronomia locale


Antico-Granaio-logo-chiaroNonostante sia in attività solo dalla scorsa primavera, il Bar Osteria L’Antico Granaio di Calliano (via Roma 81 – Tel. 0141/928421) ha già raggiunto considerevoli traguardi, con sale spesso piene a pranzo e cena e, quel che più conta, sta fornendo un importante contributo alla valorizzazione del paese. Un indubbio successo, frutto di una serie di felici coincidenze, dell’orgoglio di chi vive quotidianamente questo splendido territorio Patrimonio Unesco e delle capacità, imprenditoriali ed enogastronomiche, dei gestori del locale.

A monte di questa bella realtà, vi è stata la volontà di ospitare nel cuore del paese un locale entrando nel quale si possano assaporare i tipici sapori della grande tradizione piemontese. Ovvero creare un baluardo della tradizione culinaria, in grado di richiamare a Calliano il crescente flusso di turismo enogastronomico, che fosse al contempo in grado di “dialogare” anche con le giovani generazioni.

Antonio, ritratto con la moglie e il primogenito Lorenzo

Antonio, ritratto con la moglie e il primogenito Lorenzo

Un ambizioso obiettivo che ha preso forma compiuta grazie all’impegno profuso da Antonio Binello (personaggio molto noto nel mondo paliofilo, anche per esser stato rettore di San Marzanotto) e della moglie Mariateresa Lavecchia. I quali, dopo un periodo difficile dal punto di vista professionale, erano desiderosi di intraprendere una nuova strada.

Che li ha portati, in tempi relativamente brevi, alla realizzazione del loro sogno, ovvero l’apertura di un’osteria che sia tale nel senso più pieno, e un po’ perdutosi nel tempo, del termine. Un luogo in cui ritrovarsi con gli amici o famigliari e poter fare quattro chiacchiere in pieno relax, gustando le specialità della ricca tradizione culinaria piemontese.

Ricette semplici, ortaggi poveri ma saporiti, piatti gustosi accompagnati da una ricca e variegata carta dei vini nella quale figurano alcune delle migliori Etichette non soltanto locali. Un locale in cui poter assaporare specialità locali quali gli agnolotti d’asino e lo stufato d’asino, fiori all’occhiello della tradizione callianese, tanto che la Pro loco dedica a ciascuna specialità una specifica manifestazione, accanto al fritto misto, alla finanziera e a tante altre specialità. Chi arriva qui – spiega con orgoglio Antonio Binello – può trovare cose che altrove non vengono quasi più proposte, mentre noi miriamo a rinverdire la tradizione, rivisitando ricette antiche e semplici.

14212755_1085248324891503_6747187153121671646_nAltro importante elemento che caratterizza il locale è la splendida terrazza panoramica del locale, sulla quale si può ancora cenare anche in questo tardo scampolo d’estate. Terrazza che è altresì uno degli elementi, insieme a dettagli quali ad esempio le candele accese anche a pranzo, per conferire un tocco di raffinato romanticismo, che ben evidenziano la rigorosa cura con il quale è stato ponderatamente organizzato ogni dettaglio del locale, non fossermandosi al pur importante menu, sviluppato rigorosamente su quanto il territorio propone giornalmente.

Perfino le sedie a disposizione dei commensali possono vantare una loro “storia”: Alcune le ho recuperate in cantine e cascine e le ho rimesse a nuovo – spiega Antonio – così come non ho buttato alcune delle cassette con cui mio nonno e mio padre trasportavano la frutta. Che infatti ora sono diventate espositori per alcune delle bottiglie che compongono la carta dei vini.

Sforzi e cura per i dettagli che ora vengono ampiamente ripagati dalla soddisfazione di vedere che il paese che li ha ben accolti (Mi sento davvero uno di loro, ha commentato Binello), il locale è spesso pieno e i clienti che escono soddisfatti. Anche i più “insospettabili”, come ad esempio un gruppo di ragazzi che ha cenato qui alcune sere fa. Erano quattro o cinque – ricorda il titolare de L’Antico Granaio – e, mangiando e bevendo bene, hanno finito per spendere meno che in pizzeria.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Resta altresì da sottolineare che, pur rimanendo rigorosamente ancorati alla tradizione gastronomica locale (Mai e poi mai tradirò le origini della nostra terra, ha sottolineato Antonio), occasionalmente L’Antico Granaio organizzerà delle serate tematiche all’insegna della cucina tipica di altre regioni e che, nel corso dell’autunno, incominceranno una serie di serate a tema nei fine settimana: nel corso delle quali si potranno gustare svariati antipasti, bagna cauda, fritto misto e altre specialità della grande tradizione gastronomica piemontese.

Antico-Granaio-1In tutto questo, il titolare de L’Antico Granaio ha un solo, grande rammarico. Ovvero che sua madre, cui era legatissimo, non abbia potuto assistere all’inaugurazione del locale.

Ci ha aiutato tanto – spiega – contribuendo in modo determinate a realizzare il nostro sogno, ma purtroppo è mancata prima di poterlo vedere con i suoi occhi. Ma voglio credere che quel giorno, in cui dopo un violento temporale è uscito uno splendido arcobaleno (che, non a caso, è presente anche nel logo del locale, ndr.), lei fosse comunque con noi.


Informazioni su Link_AT

Asti non è solo il nome commerciale di un vino molto esportato, ma soprattutto una città piemontese dalle grandi potenzialità. Qui potete trovare informazioni sui più interessanti eventi in programma sul territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *