Astimusica: 5 star e molti talenti emergenti per la 21esima edizione

Testata-Immagine-evidenza-Astimusica

Presentazione-Astimusica-Massimo-Cotto-Paolo-Golzio-Giovanna-Beccuti-Fabrizio-Brignolo-Asti-MusicaDopo aver seriamente rischiato di finire nel fin troppo zeppo armadio dei ricordi per mancanza di fondi da destinare alla manifestazione, dalla scorsa edizione Astimusica può contare sul rilevante apporto economico dell’Asp, azienda multiutility partecipata dal Comune di Asti e da importanti realtà private, che anche quest’anno ha riconfermato il proprio impegno per la buona riuscita del festival estivo. Per organizzare il quale l’azienda ha stanziato un budget di 250.000 euro, ponendosi l’obiettivo di pareggiare entrate ed uscite attraverso la vendita dei biglietti, i contribuiti e gli sponsor.
Una partnership che in questa ventunesima edizione si espliciterà in una vera e propria anteprima, in programma la sera di lunedì 4 luglio, quando il Chiostro del Museo Paleontologico di Palazzo del Michelerio ospiterà l’esibizione degli Accordi Disaccordi, trio composto da Alessandro Di Virgilio e Dario Berlucchi alle chitarre e da Elia Lasorsa al contrabbasso, molto attivo nel panorama swing nazionale ed internazionale. «In quell’occasione – hanno spiegato la presidente Asp Giovanna Beccuti e l’AD Paolo Golzio (al centro nella foto, che fa riferimento alla conferenza stampa di presentazione) – il museo rimarrà eccezionalmente aperto e visitabile per tutta la serata». «Poiché – ha aggiunto la presidente Beccuti – tra le nostre finalità aziendali rientra anche il lavorare per rendere la città sempre più bella e valorizzare punti cittadini di particolare pregio. Pertanto, di concerto con il Comune, abbiamo deciso di proporre ad ogni edizione un concerto in un luogo diverso, iniziando appunto dal chiostro del Paleontologico». 
Un “antipasto” della manifestazione vera e propria, in programma dall’8 al 19 luglio, che vedrà avvicendarsi sul palco di piazza Cattedrale alcuni volti noti del panorama musicale nazionale, molti talenti emergenti e un bluesman di razza quale Lurrie Bell.

I cinque big della musica italiana

Vinicio-Capossela-Asti-MusicaCinque le serate a pagamento, la prima delle quali (venerdì 8 luglio) verterà sull’esibizione di Ezio Bosso (biglietti a 40, 30 e 20 euro secondo l’ordine di posti). La sera successiva sarà dedicata a sonorità molto differenti, ovvero quelle a cavallo tra hip hop e pop vero e proprio che caratterizzano le canzoni di Rocco Hunt (ingressi a 15 euro). Il 13 luglio invece – a riprova di una selezione, attuata dall’assessore alla Cultura e direttore artistico del festival Massimo Cotto e dal dirigente del settore Cultura Gianluigi Porro, che spazia davvero a 360 gradi – il protagonista della serata sarà Al Bano Carrisi (biglietti a 30 e 20 euro) poiché, come ha sottolineato Cotto: «E’ giusto far concessioni a stili musicali che finora hanno trovato poco posto ad Asti». Quarto concerto a pagamento sarà quello di Vinicio Capossela (biglietti a 25 euro), che la sera sabato 16 luglio presenterà al pubblico astigiano i brani del suo nuovo album Canzoni della Cupa, disponibile dal 6 maggio prossimo. Infine, in chiusura di rassegna, sabato 19 sarà protagonista Renzo Arbore, che si esibirà con la sua Orchestra Italiana (ingressi a 50, 30 e 20 euro secondo gli ordini di posto).

 

Grande spazio ai nuovi talenti

Le rimanenti sette serate saranno tutte ad ingresso libero, formula che caratterizza da sempre la rassegna astigiana. Si esibiranno Stranivari (domenica 10), La Scapigliatura (lunedì 11), Lurrie Bell (martedì 12), Miele e Mahmood (giovedì 14), il vincitore di Sanremo Giovani Francesco Gabbani (venerdì 15), Ermal Meta (domenica 17). Mentre lunedì 18 si sfideranno i 20 artisti emergenti che concorreranno al “Premio d’autore Città di Asti”, promosso dall’Associazione culturale Elinor e da Radio Italia. In palio per il vincitore l’accesso alla finale del Festival della musica italiana di New York, in programma il prossimo 11 settembre.

 

Le prevendite

I biglietti per assistere ai cinque concerti a pagamento – che ricordiamo essere quelli di Enzo Bosso (€ 40-30-20), Rocco Hunt (€ 15), Al Bano (€ 30-20), Vinicio Capossela (€ 25), Renzo Arbore e l’Orchestra italiana (€ 50-30-20) – sono disponibili in prevendita, presso i punti vendita del circuito TicketOne.it, a partire dal 5 maggio.
Questi i punti vendita suddivisi per città:

ASTI

  • Teatro Alfieri, via Leone Grandi, tel. 0141/399057-0141/399040 (biglietteria aperta martedì, giovedì e venerdì ore 10-14; mercoledì ore 10-17)
  • Libreria Alberi d’acqua, via Rossini 1, tel./fax 0141.556270
  • Alfieri Foto, Piazza Astesano 2, tel. 0141.320186
  • Musiche, Piazza Italia 11, tel. 0141.590558

 

CANELLI

 

NIZZA MONFERRATO

  • Pace Music, via Carlo Alberto 32, tel. 0141.721637

 

ACQUI TERME

  • Pace Music, via Cardinal Raimondo 9, tel. 0144.325250

 

ALBA 

  • Radio Guido, via Vittorio Emanuele 17, tel. 0173.440298

Informazioni su Link_AT

Asti non è solo il nome commerciale di un vino molto esportato, ma soprattutto una città piemontese dalle grandi potenzialità. Qui potete trovare informazioni sui più interessanti eventi in programma sul territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.