Bollani, Mannoia, Rovazzi, Ruggiero tra le star di AstiMusica 2017


La ventiduesima edizione di AstiMusica, in programma dal 6 al 16 luglio prossimi nella splendida cornice di piazza Cattedrale, nel cuore della città, si preannuncia più che mai interessante ed in grado di attirare le più variegate tipologie di pubblico.

Mantenendo fede alla consolidata tradizione che vuole la maggior parte delle esibizioni siano ad ingresso libero, per consentire a tutti di fruire liberamente del piacere della buona musica, il Festival propone un fitto calendario di appuntamenti che spaziano dal cantautorato al rap, dal blues alla musica sacra.

Un’offerta estremamente trasversale, messa a punto come di consueto dal direttore artistico Massimo Cotto e dallo staff dell’assessorato alla Cultura, resa possibile grazie al considerevole contributo economico messo a disposizione dall’Asp, multiutility sempre più integrata nella manifestazione musicale estiva.

Lou Dalfin - Astimusica 2017Che si aprirà, la sera di giovedì 6 luglio, con l’esibizione ad ingresso libero dei Lou Dalfin, vero e propria band icona della musica occitana, che dal 1982 contamina in modo irresistibile le tradizione delle Valli Occitane, il rock, il jazz ed il reggae. Grazie a questa formula, i Lou Dalfin hanno conquistato i festival, le piazze rock e folk di tutta Europa ed i principali club italiani. Ad AstiMusica la band presenterà il recente album Musica endemica, uscito nel 2016 con la produzione artistica di Madaski (uno dei fondatori degli Africa Unite).

Fabio Rovazzi - Astimusica 2017Venerdì 7 luglio il Festival vedrà salire sul palco l’autore di due indiscussi tormentoni (non soltanto web), ossia Fabio Rovazzi. Che, con Andiamo a comandare prima e con Tutto molto interessante poi, sta ottenendo enormi riscontri principalmente da parte dei giovanissimi. Pubblico cui anche AstiMusica guarda con favore, proponendo il concerto con biglietto d’ingresso a 10 euro per gli under 16 (12 euro per tutti gli altri). In apertura di serata, dj set a cura di Cugi, uno dei più conosciuti dj del panorama cuneese.

Fiorella Mannoia - Astimusica 2017La sera successiva (sabato 8 luglio) è invece in programma l’attesissima esibizione di una delle signore della musica italiana, ossia Fiorella Mannoia. L’artista romana, che arriva ad Asti sull’onda del successo sanremese del brano Che sia benedetta (seconda classificata al Festival di Sanremo, Premio della Sala Stampa Lucio Dalla e il Premio Bardotti per il miglior testo), proporrà con la sua band un indimenticabile viaggio nella grande musica d’autore, dalle ultime canzoni dell’album Combattente ai tanti successi che hanno contrassegnato la straordinaria carriera. Le prevendite dei biglietti (ingressi a 35 e 25 euro) sono già attive sui circuiti online Ticket One, Piemonte Ticket, Ciao Ticket e Ticket 24 ore (tel. 02.54271 per il pubblico), oltre che ad Asti presso Teatro Alfieri, Libreria Alberi d’Acqua, Alfieri Foto e Musiche.

Asti God's Talent - Astimusica 2017Si proseguirà, domenica 9 luglio, con l’edizione 2017 di Asti God’s Talent, talent show per cori oratoriani, ad ingresso gratuito, organizzato dalla Pastorale Giovanile Diocesana, che vedrà in gara 7 cori formati da giovani dai 13 ai 30 anni, cui si possono aggiungere 5 ‘over’. I gruppi si sfideranno sulle noti di canti religiosi riarrangiati e coreografati, che verranno giudicati da una giura composta dall’attore e produttore teatrale Mario Nosengo, da don Carlo Rampone, da Mauro Tabasso del Sermig e dal direttore artistico di AstiMusica Massimo Cotto. Anche in quest’edizione il padrino del concorso canoro sarà Paolo Conte.

Maldestro - Astimusica 2017La settimana successiva verrà aperta, lunedì 10 luglio, dall’esibizione ad ingresso gratuito di Maldestro, una delle rivelazioni cantautorali italiane degli ultimi anni che, con Canzone per Federica, presentata all’ultimo Festival di Sanremo nella categoria giovani, si è aggiudicato il Premio della Critica Mia Martini. Un ennesimo riconoscimento che va ad arricchire il suo già ricchissimo palmares, nel quale figurano il Premio De Andrè, il Premio Ciampi e Musicultura. Prima del cantautore napoletano saliranno sul palco due interessanti realtà astigiane. Roberto Sburlati, più noto con il nome d’arte Losburla (a sua volta Premio De Andrè) e Solotundra, ovvero Andrea Anania che con il suo nuovo album ha raccolto molti apprezzamenti da parte della critica specializzata.

Zac Harmon - Astimusica 2017 (Photograph © 2015 Darren Carroll)

Serata ad ingresso libero anche per il concerto che, martedì 11 luglio, vedrà protagonista il bluesman statunitense Zac Harmon. Nato a Jackson, nel profondo del Mississipi, in una famiglia in cui la madre suonava il piano e il padre, primo farmacista nero della città, si prendeva cura dei bisogni di artisti come Muddy Waters, BB King, Tina Turner, ha inevitabilmente sviluppato una grande passione per le sette note. La sua musica è una miscela unica di blues, reggae, soul e gospel. L’inconfondibile suono della sua chitarra e la sensazionale voce, sono tratti distintivi che fanno di Harmon un vero ambasciatore internazionale del blues.

Stefano Bollani - Astimusica 2017Ma l’artista artista che può legittimamente contendere alla Mannoia e a Rovazzi la palma di ospite più atteso di questa ventiduesima edizione di AstiMusica è atteso sul palco di piazza Cattedrale la sera di mercoledì 12 luglio. Ci riferiamo a Stefano Bollani, compositore e pianista acclamato a livello internazionale, al contempo coltissimo e pop, che ha fatto dell’originalità e dell’eclettismo la sua inconfondibile cifra stilistica. Ad AstiMusica, l’artista milanese presenterà Piano Solo, uno spettacolo che andrà ben oltre il tradizionale concerto al pianoforte. Un vero e proprio one man show nel corso del quale tutto può accadere, spaziando senza soluzione di continuità da Bach ai Beatles, da Stravinskij a ritmi brasiliani, con improvvise incursioni nel pop o nel repertorio italiano degli anni Quaranta.

Tre Allegri Ragazzi Morti - Astimusica 2017Con un netto cambio di registro, la sera successiva (ovvero giovedì 13 luglio), i protagonisti della serata, ad ingresso libero, saranno i Tre Allegri Ragazzi Morti, vero e proprio pilastro della scena alternativa italiana. La band giunge ad Asti sulla scia del recente album Inumani, che li ha visti collaborare con artisti del calibro di Jovanotti, Il Pan del Diavolo e Vasco Brondi. Prima di loro, saliranno sul palco altre due band de La Tempesta Dischi, etichetta discografica dei Tre Allegri Ragazzi Morti, ovvero l’ensemble Lo Straniero (in parte composta da astigiani) che presenterà l’omonimo disco uscito lo scorso anno e gli Od Fulmine, formazione che unisce rock e cantautorato e in cui militano componenti di Meganoidi, Numero 6 ed Esmen.

Ghali - Astimusica 2017Dalla musica indipendente al rap emergente il passo non è poi troppo lungo. Soprattutto se lo si compie, come accadrà ad AstiMusica la sera di venerdì 14 luglio, con artisti quali Ghali e Vega Jones, rapidamente affermatisi quali nomi di spicco della scena rap italiana. Ghali, pseudonimo di Ghali Amdouni, è un rapper tunisino di nazionalità italiana nato a Milano nel 1993 che ha ottenuto ottimi riscontri su YouTube. Mentre Vega Jones (al secolo Mmatteo Privitera), nel suo album d’esordio vanta collaborazioni che spaziano da Emis Killa a Nitro e Fly). Biglietti a 12 euro in prevendita, 15 alla cassa in piazza Cattedrale.

Sabato 15 luglio, invece, è in programma l’esibizione dei Soul System, vincitori dell’edizione 2016 di X-Factor. Il gruppo, composto da quattro ragazzi di origini ghanesi (tutti nati e cresciuti tra Verona e Brescia) e un italiano, promette di far ballare tutti gli spettatori del concerto, ad ingresso gratuito.

Antonella Ruggiero - Astimusica 2017Infine, domenica 16 luglio, il compito di chiudere in bellezza l’edizione 2017 del Festival verrà affidata alla straordinaria ed inconfondibile voce di Antonella Ruggiero. Dopo aver lasciato i Matia Bazar, con i quali ha dato vita a grandi successi divenuti veri e propri evergreen della musica italiana, l’artista genovese ha collezionato una carriera solista di grande interesse, seguendo un percorso di sperimentazione sonora segnata dalla contaminazione tra diversi generi musicali. Arriverà sul palco di piazza Cattedrale sulla scia del recente La vita imprevedibile delle canzoni, in cui ha rivisitato il repertorio interpretato dal 1975 al 2014.

Resta poi da definire il nome di chi si esibirà la sera di sabato 15 luglio, data per la quale l’organizzazione del Festival sta vagliando tra alcune possibili soluzioni alternative. Quel che invece è certo fin d’ora, a parte l’altissimo tasso qualitativo degli ospiti che compongono il cartellone, è che, per tutte le serate dei concerti ad ingresso gratuito, sarà possibile partecipare ad apericene in piazza Cattedrale dalle 19.30

AstiMusica 2017 – Il programma completo

GIOVEDI 6 (ingresso libero)
LOU DALFIN
Ingresso libero

VENERDI 7 (Ingressi € 12; ragazzi fino a 16 anni € 10)
ROVAZZI // Open act: Cugi

SABATO 8 (Ingressi € 35-25)
FIORELLA MANNOIA

DOMENICA 9 (Ingresso libero)
ASTI GOD’S TALENT
Organizzato dalla Pastorale Giovanile della Diocesi di Asti

LUNEDI 10 (Ingresso libero)
MALDESTRO // Open Act: Losburla, Solotundra

MARTEDI 11 (Ingresso libero)
ZAC HARMON

MERCOLEDI 12 (Ingressi € 20)
STEFANO BOLLANI
in collaborazione con il Circolo Filarmonico Astigiano e inserito in Monferrato Jazz Festival

GIOVEDI 13 (Ingresso libero)
TRE ALLEGRI RAGAZZI MORTI // Open act : Lo Straniero, Od Fulmine

VENERDI 14 (Ingressi: € 12 in prevendita; € 15 alla cassa)
GHALI e VEGAS JONES

SABATO 15
SOUL SYSTEM

DOMENICA 16 (Ingresso libero)
ANTONELLA RUGGIERO

 


Informazioni su Link_AT

Asti non è solo il nome commerciale di un vino molto esportato, ma soprattutto una città piemontese dalle grandi potenzialità. Qui potete trovare informazioni sui più interessanti eventi in programma sul territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.