Da Maldestro alla Ruggiero, passando per Bollani: intensa settimana per Astimusica

Astimusica immagine in evidenza

Lasciatasi alle spalle la trascinante vitalità dei Lou Dalfin, l’oceano di emozioni regalate da Fiorella Mannoia, la gioiosa allegria dei cori protagonisti di Asti God’s Talent e, unica nota negativa, l’insoddisfacente esibizione di Fabio Rovazzi, la ventiduesima edizione di Astimusica si prepara a vivere l’intensissima settimana di concerti che si concluderà domenica sera con l’esibizione, ad ingresso libero, di Antonella Ruggero. Prima della cantautrice genovese, però, il pubblico astigiano potrà assistere alle performance di numerosi altri artisti di grande talento, in rappresentanza dei più svariati generi musicali.

Ad iniziare, questa sera, dal concerto ad ingresso gratuito di Maldestro, una delle rivelazioni della scena cantautorale italiana degli ultimi due anni, che nell’edizione 2017 del Festival di Sanremo si è aggiudicato il Premio della Critica Mia Martini con Canzone per Federica. Un premio che va ad arricchire un palmares già ricchissimo, che comprende il Premio De Andrè, il Premio Ciampi e Musicultura. Ad Asti Maldestro presenterà il suo nuovo album I muri di Berlino. Ma prima di lui vi sarà spazio per due giovani realtà astigiane, ovvero Losburla, nome d’arte di Roberto Sburlati e anch’egli già vincitore del Premio De Andrè, che presenterà il suo secondo album Stupefacente, e Solotundra, al secolo Andrea Anania, che con il suo secondo album Live Music, Dead People ha fatto gridare al miracolo la critica specializzata.

Zac Harmon ospite ad Astimusica Photo © 2015 Darren Carroll

Domani sera, martedì 11 luglio, Astimusica si sposterà idealmente a Jackson – Mississipi, cittadina che ha dato i natali al bluesman Zac Harmon (ingresso gratuito). Sua madre suonava il piano e il padre, primo farmacista nero in quella città e armonicista blues, si prendeva cura dei bisogni di artisti come Muddy Waters, BB King, Tina Turner. In questo contesto intriso di cultura e musica blues, Harmon ha sviluppato il suo gusto e le sue capacità musicali. Dando origine ad una straordinaria miscela di blues, reggae, soul e gospel. L’inconfondibile suono della chitarra e la sensazionale voce, sono tratti distintivi che fanno di Harmon un vero ambasciatore internazionale del blues.

Stefano Bollani ad AstimusicaMercoledì 12, il palco di piazza Cattedrale verrà invaso dalla genialità di Stefano Bollani (ingressi a 20 euro). Compositore, pianista acclamato a livello internazionale, colto e pop insieme, la sua cifra è quella dell’originalità e dell’eclettismo che gli permette di passare senza alcuna difficoltà dal jazz alla classica senza soluzione di continuità, esibendosi per entrambi sui palchi più famosi del mondo. Nel suo ‘one man show’, in cui non esiste alcuna scaletta, nessun programma di sala a cui aggrapparsi per seguire il succedersi dei brani, può accadere davvero di tutto. Lo spettatore viene trascinato in un’avventura ogni sera diversa, un viaggio a perdifiato attraverso orizzonti musicali solo apparentemente lontani. Così si può passare da Bach ai Beatles, da Stravinskij a ritmi brasiliani, con improvvise incursioni nel pop o nel repertorio italiano degli anni Quaranta. Quel che è certo è che alla fine del concerto sarà il pubblico a decidere il bis: Bollani esegue sul momento i pezzi richiesti.

Tre Allegri Ragazzi Morti AstimusicaSi arriva così a giovedì 13, quando il palco di Astimusica verrà calcato dai Tre Allegri Ragazzi Morti (ingresso gratuito), un vero e proprio pilastro della scena alternativa italiana. Sono il trio mascherato più famoso d’Italia: attivi ormai da oltre 20 anni, i Tre Allegri Ragazzi Morti possono vantare oltre 100 canzoni e più di 1000 concerti, ma anche quella della costruzione di un immaginario che ha affascinato e coinvolto almeno tre generazioni. La band arriva ad Asti sulla scia del recente ‘Inumani’ (2016), album che vede la partecipazione di Jovanotti e tanti amici, da Il Pan del Diavolo a Vasco Brondi. Prima di loro si esibiranno altre due band de La Tempesta Dischi, l’etichetta dei TARM, Lo Straniero (ensemble in parte astigiano) che presenterà l’omonimo disco d’esordio uscito nel 2016, e gli Od Fulmine, formazione che unisce rock e cantautorato e in cui militano componenti di Meganoidi, Numero 6 ed Esmen.

Ghali ad Astimusica

Ghali

Ennesimo cambio di registro musicale per venerdì 14 luglio, grazie all’esibizione di Ghali e Vegas Jones (Ingressi a 12 euro in prevendita; 15 euro alla cassa). Artisti che, con una rapidissima ascesa negli ultimi due anni, si sono affermati tra gli esponenti di spicco della scena rap italiana. Ghali, pseudonimo di Ghali Amdouni, è un rapper tunisino di nazionalità italiana nato a Milano nel 1993. Con milioni di visualizzazioni su Youtube, il successo arriva lo scorso anno con il singolo Ninna nanna, poi bissato quest’anno con Pizza Kebab, disco d’Oro. Vegas Jones (nome d’arte di Matteo Privitera), si sta facendo conoscere sulla scia del suo nuovo album Chic Nisello. Sedici tracce con diverse collaborazioni (da Emis Killa a Nitro e Fly), che in poco più di una settimana dall’uscita superano i 100 mila download e migliaia di like sui social network.

La poliedricità della proposta artistica, nota distintiva di Astimusica, sabato 15 porterà a cambiare ancora genere. In scena i Soul System (serata a ingresso libero), freschi vincitori della decima edizione del talent show X-Factor. Dopo aver conquistato la certificazione del disco d’oro con il singolo d’esordio She’s like a star, la band, composta da quattro ragazzi di origini ghanesi, tutti nati e cresciuti tra Verona e Brescia, e un italiano, ha duettato con Sergio Sylvestre sul palco di Sanremo, nella serata dedicata alle cover, e aperto uno dei concerti milanesi di Alvaro Soler, loro coach al talent firmato Sky.

Infine, come accennato, domenica 16 luglio il compito di chiudere la ventiduesima edizione della rassegna musicale spetterà ad Antonella Ruggiero, artista di raffinata eleganza con una voce eccezionale, già protagonista dei più grandi successi dei Matia Bazar, che si esibirà eccezionalmente ad ingresso libero. Dopo aver lasciato la band con cui ha esordito e ottenuto grandi successi, l’artista ha collezionato negli ultimi vent’anni una carriera solista di grande interesse, passando per Amore lontanissimo e Sospesa, fino ad arrivare a percorsi di sperimentazione sonora segnata dalla contaminazione tra diversi generi musicali. La Ruggiero arriverà ad Astimusica sulla scia del recente ‘La vita imprevedibile delle canzoni’ (2015), in cui ha rivisitato il repertorio interpretato dal 1975 al 2014.

Ricordiamo infine che i biglietti per le esibizioni a pagamento possono essere acquistati sui portali Ticket One, Piemonte Ticket, Ciao Tickets, Ticket 24 Oppure, la sera del concerto, direttamente al botteghino allestito in piazza Cattedrale. Per tutte le serate dei concerti a ingresso gratuito, infine, sarà attiva a partire dalle 19.30 l’apericena in piazza.


Informazioni su Link_AT

Asti non è solo il nome commerciale di un vino molto esportato, ma soprattutto una città piemontese dalle grandi potenzialità. Qui potete trovare informazioni sui più interessanti eventi in programma sul territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *