La diciottesima edizione di Arti e Mercanti ha fatto registrare l’ennesimo successo!


A fare da simbolico trait d’union tra Palio e Arti e Mercanti, rievocazione medioevale organizzata e promossa da CNA Asti che ormai da 18 anni chiude in bellezza il ricco Settembre Astigiano, nel corso dell’inaugurazione della nuova edizione della manifestazione, svoltasi come sempre ‘all ombra della torre Rossa’, è stato assegnato il titolo di Alfiere di Arti e Mercanti 2017 alla signora Ada Moiso Quirico. Persona dotata di straordinaria ecletticità, nonché per molti anni insegnante capace ed attenta, che nel 1967 è stata una delle artefici della rinascita del Palio di Asti.

Premesso questo simbolico rafforzato legame tra le due manifestazioni, a chiusura di Arti e Mercanti 2017 va detto che anche questa diciottesima edizione, apertasi nel pomeriggio di sabato e conclusasi domenica poche ore dopo il tramonto, ha riscosso un grande successo. Una gran folla di visitatori provenienti da ogni dove ha potuto osservare nelle botteghe gli artigiani di oggi, fabbri, falegnami, cesellatori, pittori, scultori, acconciatori e impiantisti dare dimostrazione del loro saper fare nei tempi passati, mentre nelle taverne tematiche si sono gustare piatti preparati con gli ingredienti dell’epoca.

Mauro Ezio Marongiu Arti e Mercanti

Mauro Ezio Marongiu, cui è stato assegnato il premio quale miglior espositore di Arti e Mercanti

Grande interesse è stato suscitato anche dall’animazione dei giocolieri, dei mangiafuoco, di ballerini, dei falconieri, degli arcieri, del burattinaio e degli altri artisti che hanno animato la manifestazione. Anche i quadri realizzati dai pittori del gruppo Artisti della CNA, che quest’anno hanno esposto le loro opere negli spazi del ex Chiesa del Gesù nel Michelerio, hanno ottenuto un ottimo flusso di visitatori. Sempre nel Michelerio, gli allievi del Liceo Artistico Alfieri di Asti hanno animato il chiostro con il loro talento e la loro fantasia.

Mentre i falegnami di CNA hanno costruito dei giochi che sono stati consegnati ai bimbi in ‘cambio’ di un’offerta libera, che verrà donata totalmente al Centro Aiuti per l’Etiopia per contribuire alla costruzione di un centro di accoglienza a Gimbi, che si trova appunto nel Paese africano. Il borgo medioevale ha poi chiuso le sue porte nella serata di domenica, dopo la premiazione come miglior espositore conferita al maestro artigiano Mauro Ezio Marongiu il quale, ora che è in pensione, si può dedicare alla sua passione per le lavorazioni del rame.


Informazioni su Link_AT

Asti non è solo il nome commerciale di un vino molto esportato, ma soprattutto una città piemontese dalle grandi potenzialità. Qui potete trovare informazioni sui più interessanti eventi in programma sul territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *