Suggestivi appuntamenti, in provincia e fuori, con i presepi viventi


Anche ad Asti e nella provincia, inevitabilmente, si respira aria natalizia. E, di conseguenza, non mancano le iniziative volte a festeggiare questa importante ricorrenza. Vediamo insieme alcuni degli appuntamenti più interessanti e, in alcuni casi, meno noti.

Partendo dal capoluogo, dove l’Amministrazione guidata dal sindaco Rasero ha incentrato le proprie iniziative pensando ai bambini, principali fruitori delle feste natalizie, che ancora sabato e domenica pomeriggio potranno conoscere e farsi fotografare insieme a Babbo Natale, che li attenderà, dalle 16, in piazza San Secondo. Inoltre, fino al 7 gennaio, l’atrio del Municipio continuerà ad ospitare il caratteristico presepe, realizzato grazie alla collaborazione dei Presepisti di San Martino, con scenografie rappresentanti piazza San Secondo.


Sempre in tema di rappresentazioni della Sacra Natività, ricordiamo che sabato 23 dicembre si svolgerà nelle case grotta di Mombarone, contesto molto simile alla campagna di Betlemme, l’ormai notissimo presepe vivente, giunto alla quindicesima edizione. Tutto il paese, e molti amici di paesi vicini, sono all’opera per l’allestimento dei mestieri di una volta, disponendo anche per la presenza di animali, dalla mucca e dall’asino nella grotta della natività alle pecore del gregge e a molti altri simpatici amici dell’uomo, che costituiscono una delle principali attrattive, specialmente per i bambini.

Ovviamente l’interesse centrale è per la rievocazione della nascita di Gesù, che quest’anno avrà le fattezze del piccolo Ludovico, nato da pochi mesi. Ma il contesto delle case grotta con i mestieri di un tempo, dal fabbro al ciabattino al falegname al muratore, ha anche la funzione di non far dimenticare da dove veniamo, per la nostalgia degli anziani ma anche per la conoscenza dei giovani.

L’appuntamento per i più volenterosi è fissato alle 20.30 nei pressi della chiesa della Confraternita di Sant’Andrea Corsini, all’uscita dal paese, per la camminata con le torce a vento (che saranno date in omaggio) che scenderà nella valle della fontana del Boglietto e risalire verso le case grotta, magari cantando motivi natalizi.

La sacra rappresentazione con l’arrivo di Maria e Giuseppe per il censimento, l’ingresso nella stalla-grotta per la natività, l’arrivo di pecore e pastori e poi anche dei Magi dall’oriente, scene intervallate da commenti e canti, avrà inizio intorno alle 21.30, ma sarà possibili fare visita alla Santa Famiglia fino a tarda ora con la possibilità di gustare castagne arrosto e pane appena sfornato con bevande calde preparate nella locanda nella quale non c’era più posto per Giuseppe e per Maria.

Per tutti i visitatori è disponibile il bus navetta che fa base nei pressi dell’ex casello ferroviario, circolando per tutta la serata in senso orario. Naturalmente tutti i partecipanti dovranno comunque percorrere a piedi il tratto di strada campagnola che collega la fontana alle case grotta.


Altrettanto importante ed apprezzata è la Sacra Rappresentazione della Natività di Revigliasco, giunta alla XII edizione. Come da tradizione, alle ore 22 del 24 dicembre, il piccolo comune situato alle porte di Asti, si trasformerà nella Palestina di duemila anni fa per rivive il Mistero della nascita di Gesù, proponendo al pubblico un momento di riflessione interamente dedicato al significato spirituale del Natale.

I partecipanti potranno vivere un’originale esperienza di teatro popolare dove, supportati da un testo narrativo (scritto da Paolo Maccario e letto da Erika Marello e Giuliano Gerbo) e da una colonna sonora che alterna brani musicali a canti eseguiti dal vivo da Ilaria Marello, oltre cento figuranti in costume d’epoca animeranno gli angoli più suggestivi del centro storico riproponendo i momenti salienti della Natività, dall’Annunciazione alla visita dei Magi.

Dopo il ritrovo in via Bertolotti, lungo la salita che conduce alla chiesa, il pubblico verrà accompagnato in piazza Garons dove si svolgerà la prima parte della rappresentazione con le scene dell’Annunciazione, della visita di Maria a Elisabetta, dell’annuncio del censimento e della partenza di Maria e Giuseppe per Betlemme.

Piazza Vittorio Alfieri, trasformata per l’occasione nel villaggio della Giudea, farà da sfondo alla seconda parte: l’arrivo di Maria e Giuseppe per farsi censire, la natività, la visita dei pastori e dei Magi. A rivestire i panni della Sacra Famiglia saranno, per la quarta edizione consecutiva, Claudio e Barbara Cardettini con il loro piccolo Paolo, subentrato al fratellino Luca, protagonista della nona e decima edizione, mentre l’attore Riccardo Fassone, nel ruolo del pastore, interpreterà tre monologhi che accompagneranno il pubblico alla scoperta dei valori autentici del Natale.


Infine, spostandoci nel vicino paese di Santo Stefano Belbo, segnaliamo che la Comunità ‘Cenacolo’ di viale San Maurizio presenterà anche quest’anno il presepe vivente. Le rappresentazioni sono in programma sabato 23 dicembre e venerdì 5 gennaio, sempre alle 20.30.


Informazioni su Link_AT

Asti non è solo il nome commerciale di un vino molto esportato, ma soprattutto una città piemontese dalle grandi potenzialità. Qui potete trovare informazioni sui più interessanti eventi in programma sul territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.