Tutto pronto per la sciabolata dei record di Santero 958


Sciabolata_record_Santero_958_foto_evidenzaPartecipare alla sciabolata dei record organizzata per la giornata di domenica dalla Casa vinicola Santero di Santo Stefano Belbo è davvero semplicissimo ed alla portata di quasi tutti. Infatti, l’unico limite posto è quello della maggiore età.

L’ambizioso obiettivo da raggiungere è di vedere all’opera, contemporaneamente, 613 sciabolatori che facciano saltare i tappi di bottiglie di 958 Santero, per brindare tutti insieme all’Assedio di Canelli, rievocazione storica che si è svolta il 18 e 19 giugno nella città cittadina spumantiera astigiana, vicina a Santo Stefano Belbo, e che si rifà a fatti realmente accaduti nell’anno 1613.

Spiega Gianfranco Santero, presidente della importante Casa vinicola cuneese

Sabato 25 giugno, come di consueto, festeggeremo insieme ai nostri conferenti di uva moscato l’apertura della stagione vitivinicola. In programma ci sono momenti conviviali e il concerto di Fausto Leali. Il giorno dopo, domenica 26 giugno, tenteremo il record mondiale di sciabolatura contemporanea di bottiglie delle nostre bollicine di punta, l’extra dry 958 Santero.

Paolo Noise

Paolo Noise

Si preannuncia quindi una festa all’insegna non solo delle bollicine di 958 Santero, ma anche della musica e della buona tavola. Con inizio alle 16.30, quando i partecipanti all’evento si ritroveranno per spiegazioni tecniche, a cura dell’Associazione Italiana Sciabolatori, su come “sciabolare” nel modo corretto le bottiglie di 958 Santero.

Alle 19 si svolgerà la sciabolatura vera e propria, con lo schieramento dei 613 sciabolatori, seguita alle 20 da una ricca merenda sinoira annaffiata da 958 Santero. Senza trascurare la presenza di un ospite davvero d’onore quale il noto dj di radio 105 Paolo Noise.

 

Per fornire la propria disponibilità a sciabolare, oltre ad essere maggiorenni, è sufficiente pre-iscriversi compilando la scheda presente sul sito dell’azienda o rivolgendosi direttamente alla sede aziendale di via Cesare Pavese 28 (tel. 0141/841212), fermo restando che le iscrizioni verranno raccolte anche il pomeriggio della manifestazione. Chi parteciperà all’evento dovrà versare 20 euro e avrà in omaggio la sciabola in acciaio appositamente prodotta dalla “Marmo Inox” di Canelli, oltre ad altri gadget ed un certificato di “sciabolatore 958 Santero”.

Gianfranco Santero, ritratto con i sindaci di Canelli e Santo Stefano Belbo

Gianfranco Santero, ritratto con i sindaci di Canelli e Santo Stefano Belbo

In ultimo, va ricordato che la manifestazione è già servita a donare fondi ad alcune associazioni di volontariato operanti a Canelli e Santo Stefano Belbo. Nello scorse settimane, infatti, Gianfranco Santero ha consegnato a Luigi Icardi e Marco Gabusi, rispettivamente sindaci di Santo Stefano Belbo e Canelli, assegni per complessivi 6 mila euro che sono già stati girati a associazioni di volontariato. 

Un modo di dare valore aggiunto a quella “linea Maginot delle bollicine” che attraversa la Vallebelbo e che deve fare squadra per vincere sfide future, spiega il presidente del gruppo vinicolo santostefanese

Per ogni ulteriore informazione sull’evento si può far riferimento al sito www.santero.it e ai canali social dell’azienda.


Informazioni su Link_AT

Asti non è solo il nome commerciale di un vino molto esportato, ma soprattutto una città piemontese dalle grandi potenzialità. Qui potete trovare informazioni sui più interessanti eventi in programma sul territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.