Breve “guida” all’universo di ‘Assassin’s Creed’

Assassin-s-Creed-protagonisti-1

Piccola premessa: è un videogioco, non una lezione alla facoltà di storia medievale.
Purtroppo in molti hanno confuso le due cose, in alcuni casi a ragione, ma tra intrattenimento ed edutainment c’è ancora un filo di differenza. Mi trovo a dire questo, oltre alla difficoltà di taluni a comprendere la differenza tra realtà e immaginazione, anche perché la qualità della realizzazione è sempre, o quasi, impostata su livelli medio alti nel corso di tutta la serie.

Assassin-s-Creed-cover-primo-episodioL’oggetto della nostra disquisizione nasce con il capostipite “Assassin’s Creed” nel 2007 su Ps3 e Xbox360 per approdare solo dopo qualche mese su pc e ci mette al comando, ai fini della trama, di un ragazzo di nome Desmond il quale si sta sottoponendo, più o meno forzatamente, ad un esperimento atto ad indagare la sua memoria genetica per poter risalire ad accadimenti avvenuti durante la Terza Crociata

Egli è infatti discendente diretto di Altair Ibn La-Ahad, membro della Setta degli Assassini, un ordine di sicari, agli ordini del Maestro Al-Mualim. A causa della sua presunzione, Altair perderà i privilegi di Priore dell’ordine e dovrà, su ordine diretto dello stesso Al-Mualim, eliminare sette esponenti dell’avverso Ordine Cavalleresco Templare. Attraverso duelli, infiltrazioni in territorio nemico e tradimenti, la trama si dipana fino ai giorni nostri, in quei laboratori dove è trattenuto il povero Desmond che, nel frattempo, tuffandosi nella propria memoria genetica, è divenuto capace di utilizzare alcuni dei trucchi del suo predecessore.

 

Assassin-s-Creed-II-cover-secondo-episodioCon “Assassin’s Creed 2” assistiamo alla fuga di Desmond dai laboratori e al suo riparare nella sede locale della rinnovata Setta degli Assassini dove, con una replica del macchinario utilizzato nel precedente episodio, si va ad indagare i fatti accaduti a Firenze ed in generale in Italia al giovane Ezio Auditore durante il Rinascimento.

Egli assiste all’esecuzione dei suoi familiari per ordine di Lorenzo de’ Medici, sopravvissuto allo storico tentativo di omicidio e del quale accusa, su istigazione dei templari, proprio la famiglia Auditore. Ezio si vedrà costretto ad indossare i panni dell’Assassino ricordando gli insegnamenti paterni e grazie ai consigli dello zio.

La maggiore novità, rispetto al primo episodio, è la gestione di un villaggio sede e origine della famiglia Auditore, che da borgo semidistrutto e morente, rifiorirà a nuova vita dando nuove possibilità al nostro protagonista.

 

 

Ezio si trova ad essere protagonista anche di altri episodi, veri spin-off della serie principale: “A.C. Brotherhood”, in cui Ezio si troverà a Roma a combattere contro i Borgia“A.C. Revelations”, in cui il nostro dovrà recarsi in Terra Santa sulle tracce del predecessore Altair, il tutto mentre cerca di ridare nuova linfa alla Setta degli Assassini.

Assassin-s-Creed-III-cover-terzo-episodioIn “Assassin’s Creed 3” andiamo nel Nuovo Mondo durante la Rivoluzione Americana, nei panni di Connor, un mezzo sangue che si troverà a dover rifondare la Setta nelle Americhe e a dover combattere con i locali esponenti dei Templari tra cui spicca il padre. 

Oltre alla trama principale e alla cura dell’insediamento l’Assassino avrà la possibilità di reclutare nuovi membri della setta, ognuno con aspetto, nome e carattere differenti, mentre per la parte relativa ai giorni nostri vedremo concludersi le vicende del povero Desmond.

A seguire, il tempo e la Ubisoft ci regaleranno altri episodi della serie, ovvero “A.C. Black Flag”, il primo a sbarcare, è il caso di dirlo essendo ambientato tra navi e pirati, sulla Next Generation“A.C. Unity”, ambientato durante la Rivoluzione Francese e tristemente ricordato per l’enorme mole di errori di programmazione che inficiarono anche la reputazione di Ubisoft stessa, e il recente “A.C. Syndicate”, ambientato nella Londra vittoriana e che vede l’arrivo di ben due protagonisti, donando così nuova linfa a una giocabilità che cominciava a mostrare il fianco a troppe critiche di immobilismo.
Le novità, infatti, erano più nella forma che nella sostanza, situazione dettata anche dalla politica intrapresa dalla casa produttrice della pubblicazione annuale, al fine di monetizzare e spremere la gallina dalle uova d’oro. Questi titoli sono svincolati da quella che è la “prima trilogia” (se si escludono gli spin off del 2), tant’è che perdono anche la numerazione nel titolo per divenire episodi a se, non collegati se non a grandi linee agli altri della serie.

 

Assassin-s-Creed-saga-immagine-evidenza-taglio-protagonisti

 

Indubbiamente la saga di “Assassin’s Creed”, con 7 episodi principali, almeno due spin off, realizzazioni anche su piattaforme mobile, libri, fumetti e un film, di recentissima uscita, che vede protagonista Michael Fassbender, più qualcosa d’altro che sicuramente mi sono dimenticato, si trova ad essere un po’ lo specchio dei tempi videoludici attuali.
Grande libertà di movimento e grande giocabilità, con sezioni di autentico parkour, firma della serie, e duelli a fil di spada, possenti trame e incroci con realtà storiche, opportunamente storpiate (vedi la premessa in apertura) a fini della trama, ma anche realizzazioni altalenanti e in alcuni casi disastrose, tanti, talvolta troppi collezionabili pressoché utili solo ad allungare il brodo e una marea di contenuti extra a pagamento dal costo esorbitante che aggiungono troppo poco.

Il consiglio è quello di accaparrarsi almeno i primi 3 episodi, rintracciabili per pc e console di vecchia generazione a prezzi irrisori anche tramite il mercato dell’usato, omettendo i più problematici usciti di recente e solo in caso che si diventi dipendenti dagli assassini della serie di provvedere all’acquisizione dei successivi.


P.S. La Setta degli Assassini è realmente esistita.
Il termine assassino di uso comune deriva dall’arabo al-Hashīshiyyūn, traducibile come “fumatori di hashish”, ed è un caso più unico che raro di collaborazione con i Templari ed in genere con qualsiasi organizzazione del tempo di origine cristiana. Un piccolo spunto per chi volesse approfondire una interessantissima pagina di Storia.

Marco Parodi

 


Informazioni su Link_AT

Asti non è solo il nome commerciale di un vino molto esportato, ma soprattutto una città piemontese dalle grandi potenzialità. Qui potete trovare informazioni sui più interessanti eventi in programma sul territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.