Alla (ri)scoperta del centro storico cittadino con ‘Wine Street Tasting 2017’


Sono oltre 50 i locali del centro storico che questa sera (venerdì 22 settembre) e domani, dalle 19 alle 24, parteciperanno all’edizione autunnale di Wine Street Tasting, iniziativa ideata e promossa dall’associazione CRE[AT]IVE con la finalità di valorizzare lo splendido centro storico cittadino e esaltare nel contempo la buona cucina locale ed i piatti tipici, abbinati ai migliori vini d’eccellenza. Il tutto proposto in numerose varianti, in grado di incuriosire ogni palato.

Molto variegata anche la tipologia di locali che hanno dato la propria adesione all’iniziativa, comprendente quindi ristoranti, bar, enoteche, circoli, gelaterie e associazioni gastronomiche, che proporranno antipasti, primi, secondi e dessert cucinati secondo le antiche ricette o originali rivisitazioni, abbinati alle migliori etichette vinicole del territorio.

Tra i piatti proposti non mancheranno naturalmente i grandi classici della tradizione locale quali l’insalata russa, le acciughe al verde, le friciule, gli agnolotti (anche d’asino e al plin), i tagliolini, il fritto misto, il vitello tonnato, il carpione e la torta di nocciola e di mele, anche nel pieno rispetto delle stagionalità delle materie prime impiegate nelle ricette.

Ma la variegata proposta gastronomica prevede anche una selezione di formaggi e contaminazioni a base di pesce. Oltre a omaggi a cucine di altre zone d’Italia, con la proposta di cannoli siciliani, cous cous di pesce, spaghetti con le sarde, romanissime penne all’amatriciana, ed internazionali come la paella spagnola, gli udon giapponesi, la creme brûlé, il chili.

Un’attenzione particolare sarà rivolta anche a piatti che non contengono glutine, come quelli che saranno proposti da Macelleria Caldera, il ristorante Convivio, la cremeria Alfieri, la scuola Gourmet e Suc-coso non latteria, che avrà in menu prodotti tutti naturalmente privi di glutine senza l’uso di farine o derivati da cereali.

Mentre per quanto riguarda il bere, oltre ai già citati vini del territorio, si potranno degustare anche birre, vermouth, passiti, grappe e non mancherà spazio anche per i cocktails serviti da bartender professionisti.

Il percorso

Il cammino enogastronomico comincerà da piazza Statuto, dove si troverà un info point presso il quale verranno distribuiti i menù e la mappa per orientarsi tra le proposte, fermo restando che la mappa sarà disponibile anche presso tutti i punti di degustazione. Grazie a questi ‘strumenti’, sarà davvero facilissimo comporre il proprio personale ‘diario di degustazione’, un itinerario culturale e enogastronomico che genererà un meraviglioso connubio tra la riscoperta dei sapori e quella di luoghi panoramici e storici del centro cittadino.

Nota a margine, per la partecipazione all’iniziativa del Golf Il Feudo, che per l’occasione sarà ospitato nel cortile di Palazzo dei Leoni di via Balbo, presso il quale proporrà i piatti cucinati per l’occasione dalla chef torinese Alida Gotta, finalista della quinta edizione di Masterchef Italia, che preparerà Udon al curry e verdure croccanti accompagnati da Extra Brut Deltetto 2011 – Azienda Agricola Canale oppure Timorasso Colli Tortonesi Dertona – Azienda Agricola La Colombera e Grappe Berta.


Informazioni su Link_AT

Asti non è solo il nome commerciale di un vino molto esportato, ma soprattutto una città piemontese dalle grandi potenzialità. Qui potete trovare informazioni sui più interessanti eventi in programma sul territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *